INSERIMENTO IN G.A.E. 2019/2022

Il Ministero dell’Istruzione con Decreto Ministeriale del 24 aprile 2019, n. 374 (doc. 1) ha fornito le istruzioni per l’aggiornamento triennale delle graduatorie a esaurimento.

Il decreto consente la presentazione della domanda (doc. 2) tramite il portale on line del Ministero a partire dal 25 aprile 2019 sino al 16 maggio 2019 solo a coloro che risultino già inseriti in G.A.E. a pieno titolo o con riserva in virtù di provvedimenti giurisdizionali pendenti o decisi favorevolmente.

La questione relativa all’inserimento in G.A.E. per i diplomati magistrali e per i possessori del diploma I.T.P. è stata ampiamente decisa da ben due decisioni dell’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato.

Lo Studio Legale “Naso & Associati” pertanto, evidenzia come il ricorso non potrà – a normativa e giurisprudenza vigenti – ottenere il definitivo inserimento in G.A.E. a favore dei possessori del diploma magistrale e del diploma I.T.P.

Il ricorso ha il solo scopo di mantenere vivo il contenzioso auspicando una diversa soluzione giuridica e/o legislativa che possa intervenire in medio tempore risolvendo la questione dell’inserimento in G.A.E., non condividendo in alcun modo le decisioni dell’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato, peraltro difformi e in contrasto con ben 7 sentenze della sesta sezione del Consiglio di Stato.

Va sottolineato che il decreto ministeriale n. 374/2019 prevede all’art. 6, comma 1, la possibilità di chiedere la permanenza in graduatoria per “..coloro che, già iscritti con riserva in graduatoria a esaurimento, hanno ancora pendente un ricorso giurisdizionale o straordinario al Capo dello Stato, avverso l’esclusione dalle graduatorie medesime o avverso le propedeutiche procedure abilitanti, fermo restando quanto previsto all’articolo 1, comma 8”.

Il Ministero ha dunque concesso la possibilità di aggiornare la propria posizione anche a tutti quei docenti che hanno un ricorso pendente innanzi alla Giurisdizione Amministrativa di primo o di secondo grado, e che non abbiano ancora una sentenza sfavorevole divenuta definitiva (si cfr. art. 6, comma 1, decreto ministeriale n. 374/2019, doc. 1).

Il decreto ministeriale, pertanto, introduce una ulteriore ed evidente disparità di trattamento tra coloro che hanno un ricorso pendente e coloro che non hanno mai presentato un ricorso al T.A.R. o un appello al Consiglio di Stato pur essendo in possesso dello stesso titolo di studio.

Alla luce delle suesposte considerazioni, lo Studio Legale “Naso & Associati” sta predisponendo un ricorso al T.A.R. volto alla impugnazione del decreto ministeriale n. 374/2019.

Lo Studio prevede l’introduzione di un nuovo ricorso al T.A.R. Lazio per ottenere l’inserimento nelle graduatorie a esaurimento almeno con riserva a favore dei docenti abilitati ma esclusi dalla possibilità di inserirsi nelle G.A.E.

CHI PUO’ PARTECIPARE AL RICORSO?

Possono partecipare al ricorso le seguenti categorie di docenti:

Docenti in possesso del diploma I.T.P.;

Docenti in possesso del Diploma magistrale ante 2001/2002.

Per quanto riguarda i diplomati magistrali si prevede l’introduzione di un ricorso volto a evidenziare la disparità di trattamento introdotta dal Ministero con il suddetto articolo 6, comma 1, lett. b), che, nonostante le decisioni dell’Adunanza Plenaria, consente la permanenza in graduatoria con riserva di coloro che hanno un ricorso pendente

PRECISAZIONE IMPORTANTE!

Tutti i partecipanti sono invitati a compilare e a inviare la domanda di inserimento in G.A.E. (doc. 2) in modalità cartacea all’Ufficio Scolastico Regionale di rispettivo interesse.

PER PARTECIPARE VANNO INVIATI ALLO STUDIO I SEGUENTI DOCUMENTI COMPILATI E SOTTOSCRITTI

Modello privacy;

procura alle liti;

Scheda di adesione al ricorso;

Copia documento di riconoscimento;

Copia versamento quota di partecipazione al ricorso.

Si prega cortesemente di non spillare i documenti richiesti, dovendo predisporre la scannerizzazione dei documenti inviati.

COME INVIARE LA DOCUMENTAZIONE PRESSO LO STUDIO

Per completare la domanda di partecipazione al ricorso occorre inviare CON POSTA RACCOMANDATA A/R la documentazione al seguente indirizzo:

Avv. Domenico Naso Salita San Nicola da Tolentino, 1/b – 00187 Roma.

ENTRO QUANDO DEVO INVIARE I DOCUMENTI ALLO STUDIO ?

Le adesioni dovranno pervenire allo scrivente entro la data del 10 giugno 2019.

QUANTO COSTA IL RICORSO?

Il costo complessivo del ricorso è di euro 80,00 (cento,00) per ogni tipologia di ricorso per i non iscritti alla UIL Scuola.

Per gli iscritti alla UIL Scuola e per chi ha già partecipato ad un precedente ricorso con lo Studio il costo è ridotto ad euro 60,00 (ottanta/00).

Si precisa che, in ogni caso, l’importo suddetto copre solo ed unicamente le spese per il ricorso al T.A.R. Lazio.

COME POSSO AVERE INFORMAZIONI SUL RICORSO DOPO L’INVIO DEI DOCUMENTI ALLO STUDIO?

Tutte le informazioni relative allo stato dei ricorsi possono essere richieste inviando una mail al seguente indirizzo:

Mail: segreteriastudiolegalenaso@gmail.com

scrivendo nell’oggetto per quale categoria di ricorso è stata presentata la domanda di partecipazione al ricorso.

Si allega:

  1. Decreto Ministeriale n. 374/2019;
  2. Copia domanda di inserimento in G.A.E.;
  3. Privacy ricorso;
  4. Procura alle liti;
  5. Scheda di adesione;
  6. IBAN.

Roma, 9 maggio 2019 Studio Legale “Naso & Associati”