Ricorso TFA SOSTEGNO DOCENTI NON ABILITATI

NOTA INFORMATIVA

Il MIUR ha emanato il decreto ministeriale 948/2016, che prevede l’ammissione dei docenti abilitati al percorso TFA per il conseguimento del titolo di specializzazione su sostegno.

Il ricorso si propone di far estendere la partecipazione anche a quei docenti privi di abilitazione sulla materia che vogliono conseguire il titolo di specializzazione sul sostegno.

Infatti, considerato il crescente utilizzo, da parte del MIUR, di docenti non specializzati per coprire con supplenza anche annuale, posti di sostegno e alla luce della proroga dell’entrata a regime della norma che impone il possesso dell’abilitazione all’insegnamento per l’inserimento nelle graduatorie di istituto, nelle quali si potrà ancora accedere nella prossima tornata di aggiornamento, anche senza abilitazione, appare ingiustificabile lo sbarramento previsto dal DM n. 948/16 alla possibilità di accesso ai corsi di TFA di sostegno nei confronti dei docenti non abilitati.

A cosa serve il ricorso?

Il ricorso è finalizzato a permettere la partecipazione ai corsi per la Specializzazione per l’insegnamento del Sostegno (TFA Sostegno) ai docenti esclusi dal DM 498/2016 perché privi di abilitazione all’insegnamento o in possesso di Diploma ITP o AFAM, o risultati idonei al TFA Sostegno II ciclo ma non ammessi in soprannumero.

Quali sono i requisiti?

Possono aderire al ricorso:

  • Coloro che hanno conseguito un Diploma Tecnico (ITP);
  • Coloro che hanno conseguito un Diploma AFAM vecchio ordinamento;
  • Coloro che sono laureati ma privi di abilitazione all’insegnamento;
  • Coloro che, pur non avendo il titolo per il Sostegno, hanno svolto servizio di docenza sul Sostegno per un periodo pari o superiore a 3 anni scolastici;
  • Coloro che sono risultati idonei all’esito delle prove selettive per il TFA Sostegno II ciclo.

Entro quale termine si può aderire al ricorso?

Il termine per l’adesione è per il giorno 28 gennaio 2017  data di ricezione  della documentazione presso lo Studio.

 

Quanto costa il ricorso?

Il costo del ricorso è pari ad euro 100,00

 

Come aderire?

indifferibilmente entro il termine del 28 gennaio 2017, è necessario inviare la seguente documentazione per la partecipazione al ricorso:

  1. Copia documento di riconoscimento;
  2. Privacy (clicca qui per scaricare l’allegato)
  3. Mandato alle liti (clicca qui per scaricare l’allegato);
  4. Copia titolo di studio;
  5. Copia versamento spese (clicca qui per scaricare i dati bancari per effettuare il bonifico)

La documentazione dovrà essere inviata per posta raccomandata a/r al seguente indirizzo:

Avv. Domenico Naso – Salita di San Nicola da Tolentino 1/b – 00187 Roma

Oppure

Via fax al seguente recapito: 06/42005658